Gold Wing Club Italia
DAL 1982 IL CLUB UFFICIALE DEI GOLDWINGERS ITALIANI

HOME PAGE / Tools / Regole di marcia

Regole di marcia

COME CONDURRE AD UNA PARATA MOTOCICLISTICA

 

Quando guidate da solo, la priorità è la sicurezza.
Quando guidate in gruppo, la priorità è la sicurezza.

In pratica è esattamente la stessa cosa, sia durante una parata di gruppo che ad un evento della GWEF.
Gli elementi centrali della guida sicura sono: tempo e spazio.
Il tempo è necessario per vedere e reagire ai pericoli. Lo spazio è necessario per reagire in modo appropriato.

Una soluzione efficace per una parata in gruppo è quella di guidare in unadoppia colonna, la cosiddetta formazione “alternata”.

Lo standard, quasi universale, per la “distanza di sicurezza” del tempo e dello spazio è di almeno uno spazio di 2 secondi dietro il veicolo che precede (in Norvegia è di 3 secondi). La formazione classica è mostrata qui sotto.

Il capo-colonna #1 conduce verso l’esterno della linea centrale (lontano da eventuali perdite d’olio lasciate al centro dai veicoli a 4 ruote).

Il conducente #2 procede appena all’interno della linea centrale (anch’esso lontano dallo sporco, ma non vicino al pericoloso bordo strada).

#2 conduce ad “1 secondo” dietro #1. A causa dell’allineamento, il conducente #2 non ha in realtà nessuno davanti a sè. In questo modo le distanze di frenata vengono così rispettate.

Il conducente #3 rimane fuori della linea centrale ma “1 secondo” dietro a #2.

Ciò crea un minimo di distanza di sicurezza fra #3 e #1. Vengono nuovamente rispettate le distanze per eventuali frenate e manovre. Questa formazione alterna verrà rispettata dal gruppo intero. Ogni conducente ha almeno uno spazio di 2 secondi dal motoveicolo che lo precede.

Che cosa significa uno spazio di “2 secondi” in metri (o nelle iarde anglosassoni)?

Questo dipende ovviamente dalla velocità del gruppo, come segue:

2 secondi            25 km/h ( 15mph) = 14 metri
                               50 km/h ( 30mph) = 28 metri
                               80 km/h ( 50mph) = 44 metri

In pratica, il tempo per il passaggio per un punto fisso da parte di due motoveicoli può essere valutato contando “21… 22! Lentamente. Se il punto è stato oltrepassato prima di dire il 22, lo spazio è troppo breve!

E’ importante notare che lo spazio di “2 secondi” è una separazione minima, che va bene quando le circostanze sono buone. Sul bagnato, o se la superficie stradale è difettosa, rotta, oleosa, lo spazio dovrebbe essere aumentato. In ogni caso, la doppia colonna, o formazione alternata, non è usata dappertutto. Sulle strade con curve, tornanti o nelle vie cittadine, dovrebbero essere usate le formazioni a linea singola, ancora con uno spazio di “2 secondi” fra i motociclisti. All’interno della formazione, ogni conducente deve dare un segnale (freccia) quando il gruppo o il singolo si sposta dalla linea. Ciò aiuta i conducenti che seguono. Un segnale della mano viene anche fatto quando, nella strada, ci sono buchi, oggetti, ecc.

In più, ci sono alcune regole per la guida nelle parate, regole assolute che non dovrebbero mai essere disattese. La prima è la più importante.

Regola 1: Il Codice della Strada deve essere sempre rispettato Tutti gli stop, le precedenze, i semafori, ecc. devono essere rispettati, salvo che il traffico venga gestito da agenti di polizia o dai conducenti (staffette) delegati legalmente a gestire la parata. Tutti i Codici della Strada richiedono una guida responsabile.

Regola 2: Una volta assunta la posizione nel gruppo, mai cambiarla.Cambiare la propria posizione mette le altre in pericolo. Disturba la formazione che è stata fatta per la sicurezza. Questo significa, per esempio, che il conducente che va avanti e indietro nella formazione per fotografie e riprese video, ecc. non è ammesso. (L’unica eccezione a questa regola è per un’emergenza medica o meccanica. In questo caso, segnali molto chiari dovrebbero essere dati ai conducenti vicini).

Regola 3: Nessun rimorchio deve partecipare alle parate. I rimorchi non sono necessari per un giro del gruppo o in una parata. Creano solo rischi supplementari. Di conseguenza non ne è permessa la partecipazione.

Regola 4: I conducenti, della parte esterna della formazione, dovrebbero sempre guardare gli specchietti retrovisori per verificare il passaggio della polizia o delle staffette. Questi possono sorpassare rapidamente per svolgere le loro mansioni, utili per la sicurezza dell’intera parata. Di conseguenza, il tenere d’occhio la situazione aiuta a procedere correttamente.

Regola 5: Tutti i motociclisti dovrebbero iniziare un giro con il pieno di benzina e con la moto in buono stato. E’ evidente che è un rischio ulteriore un motociclo che si ferma.

Regola 6: Il conducente che mette altri in pericolo, DEVE essere allontanato dal gruppo senza esitazione, dagli organizzatori. Non tutti i motociclisti prendono sul serio la sicurezza. Pertanto un buon organizzatore si preoccuperà di allontanare i motociclisti pericolosi.

Regola 7: Le Parate sono divertimento. Gli incidenti e gli infortuni no! Restare allineati al veicolo di riferimento, per una guida sicura, assicura il divertimento, perché le parate sono un’esperienza speciale. E ricordarsi! Nessun altro – non gli organizzatori della Parata, non la GWEF, né altri conducenti – possono essere responsabili della vostra sicurezza. Questa responsabilità è sempre la vostra.

 

(c) T.G. White, Gold Wing European Federation, 18.02.2002
(c) Motorcycle Safety Foundation

CALENDARIO

Accedi al calendario eventi di GWCI

NEWS DAL CLUB

22/04/2018

"Panormus in Ciuri" Sicilia 2018

Leggi Tutto » ARCHIVIO


NEWS DALLE SEZIONI

26/04/2017

Sez. Mn-Bs - Nuovo Co-RDS

Leggi Tutto » ARCHIVIO


Sezioni Regionali

Sezioni Regionali


Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE